Stampa la pagina | Chiudi la finestra
Protezione della popolazione

Sistema integrato di protezione della popolazione

La Protezione della popolazione è un sistema integrato per la condotta, la protezione, il salvataggio e l'aiuto. Sua missione consiste nel proteggere la popolazione, le sue basi vitali e i beni culturali in caso di catastrofi naturali e tecnologiche, altre situazioni d'emergenza e conflitto armato.

Cinque organizzazioni partner sotto un unico tetto
Nel sistema integrato della Protezione della popolazione, la polizia è responsabile di mantenere l'ordine e la sicurezza.

I pompieri sono responsabili per il salvataggio e la lotta contro i sinistri elementari. Intervengono anche in caso di emissioni tossiche, fuoriuscite di carburanti e contaminazioni radioattive.

La sanità pubblica fornisce prestazioni mediche alla popolazione ed ai corpi d'intervento. Queste comprendono anche la profilassi ed il sostegno psicologico.

I servizi tecnici garantiscono il funzionamento degli impianti conformemente ai mandati giuridici. Assicurano l'approvvigionamento con elettricità, acqua e gas, la raccolta dei rifiuti, i collegamenti stradali e la telematica in funzione della situazione oppure ripristinano gradualmente la normalità adottando le misure stabilite dalle autorità.

La protezione civile svolge numerosi compiti di protezione, assistenza e sostegno. È prevalentemente un mezzo di secondo intervento del sistema integrato della Protezione della popolazione.

Cinque organizzazioni partner sotto un unico tetto

Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP

UFPP

Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP

L’UFPP è responsabile a livello federale della protezione della popolazione svizzera da catastrofi e situazioni d‘emergenza. Con le sue divisioni

  • Politica della protezione della popolazione pianifica e coordina l’ulteriore sviluppo della protezione della popolazione;
  • LABORATORIO SPIEZ copre l’intero ventaglio dei compiti di protezione NBC;
  • Centrale nazionale d’allarme CENAL gestisce il centro di notifica, d’analisi della situazione e d’allarme della Confederazione;
  • Istruzione istruisce gli organi cantonali di condotta e i quadri della protezione civile e sostiene i Cantoni con molti altri prodotti didattici;
  • Infrastrutture provvede ai sistemi tecnici, alle costruzioni di protezione e al materiale.

Attualità

 

Il Consiglio federale chiede un credito complessivo per la salvaguardia del valore di Polycom e avvia la consultazione per la modifica dell’ordinanza sull’allarme

Il Consiglio federale chiede un credito complessivo per la salvaguardia del valore di Polycom

25.05.2016 - Il sistema radio di sicurezza Polycom sarà utilizzato ancora fino al 2030 e sono quindi necessarie misure di salvaguardia del valore. A tale fine il Consiglio federale chiede un credito d’impegno di 159,6 milioni di franchi. Al contempo ha inoltre deciso di avviare la consultazione concernente una modifica dell’ordinanza sull’allarme. Tale modifica ha lo scopo di creare una base legale più solida per il rinnovamento parziale e la ripartizione dei costi di Polycom.

Forum PBC 26/2016: Beni culturali in movimento

Forum PBC 26/2016: Beni culturali in movimento

20.05.2016 - Dislocare i beni culturali è un’operazione delicata. A volte il trasloco è inevitabile, in altri casi il trasferimento per esposizioni temporanee è quasi una consuetudine; in ogni caso per gli oggetti di particolare pregio si devono adottare le precauzioni più disparate. Gli articoli del Forum PBC n° 26 presentano vari esempi di come la sicurezza dei beni culturali venga garantita durante i loro trasferimenti. Un aspetto non trascurabile è il divario tra la conservazione di beni culturali preziosi da parte di professionisti (restauratori, conservatori, ecc.) e la loro cura da parte di laici (personale delle ambasciate, ecc.). Tuttavia, in ogni caso si cerca di adottare responsabilmente i migliori preparativi possibili per evitare eventuali danni.

Risultati della consultazione relativa al Rapporto del Consiglio federale sulla politica di sicurezza della Svizzera

18.05.2016 - Il progetto per un nuovo rapporto del Consiglio federale sulla politica di sicurezza della Svizzera è largamente approvato. Questo quanto è emerso dalla consultazione relativa al rapporto. Gli sviluppi in materia di politica di sicurezza degli ultimi mesi e i risultati della consultazione richiedono però anche un certo adeguamento del rapporto che sarà quindi puntualmente aggiornato e verrà sottoposto al Consiglio federale nel mese di agosto per l’approvazione definitiva.

Per domande concernenti questa pagina: Comunicazione UFPP